Relata 1

FACSIMILE RELATA DI NOTIFICA LEGGE 53/94

01)  RELATA DI NOTIFICA  DI ATTO PROPRIO IN PROCEDIMENTO DA INIZIARE (DA UTILIZZARE PER NOTIFICARE TRAMITE PEC ATTI DI CITAZIONE, RICORSI, ECC. ECC. CREATI TRAMITE SOFTWARE DI VIDEOSCRITTURA TRASFORMATI DIRETTAMENTE IN PDF SENZA SCANSIONE, AD ESEMPIO L’ATTO DI PRECETTO)

IL PROCEDIMENTO DA SEGUIRE:

Con il software di videoscrittura prepara l’atto di citazione o il ricorso o qualsiasi altro atto che vuoi notificare tramite PEC.

Predisposto l’atto, dovrai trasformarlo direttamente in PDF senza scansione; la maggior parte dei programmi di videoscrittura consente di “salvare” l’atto anche in formato .PDF. Se il tuo programma di videoscrittura non lo consente, potrai installare sul tuo computer un software che aggiungerà, a quelle già presenti nel tuo computer, una “stampante virtuale” che selezionerai dopo aver “chiesto” al programma di videoscrittura  di stampare il tuo atto. Così facendo, la “stampante virtuale” produrrà del tuo atto un formato .PDF che salverai sul desktop del computer o in altra “cartella” da te scelta. Il programma che utilizzo io come “stampante virtuale” è PDF24 Creator, che puoi scaricare gratuitamente ed installare sul computer cliccando qui.

Ottenuto il tuo atto in formato .PDF, ricordati che dovrai sottoscriverlo, mediante il dispositivo di firma digitale, prima di allegarlo alla PEC da inviare per la notifica.

Trattandosi di atto introduttivo, dovrai predisporre con il tuo programma di videoscrittura la procura alle liti  che dovrà contenere tutti i dati necessari affinchè possa evincersi che la procura sia stata a te rilasciata per quel determinato atto; la stamperai, la farai sottoscrivere al cliente e la sottoscriverai anche tu, per autentica, nella maniera tradizionale. Apposte le firme autografe, procederai alla scansione della procura cartacea, ottenendo così la stessa in formato .PDF.

Ottenuta la procura in formato .PDF, ricordati che dovrai sottoscriverla, mediante il dispositivo di firma digitale, prima di allegarla alla PEC da inviare per la notifica in quanto, con la sottoscrizione digitale avrai attestato la conformità della copia informatica della procura alle liti all’originale analogico (cartaceo) in tuo possesso, così come richiesto dall’articolo 83 c.p.c.

A questo punto, dovrai predisporre, utilizzando il programma di videoscrittura, la relata di notifica avendo cura di inserire tutti gli elementi indicati dalla L. 53/94 nell’art. 3 bis; il facsimile della relata di notifica è quello che trovi in questa pagina.

Predisposta la relata di notifica, dovrai trasformarla direttamente in PDF senza scansione seguendo il procedimento sopra descritto  per la trasformazione in PDF della tua citazione e/o ricorso.

Ottenuta la relata di notifica in formato .PDF, ricordati che dovrai sottoscriverla, mediante il dispositivo di firma digitale, prima di allegarla alla PEC da inviare per la notifica.

A questo punto avrai predisposto tutti i file da allegare alla PEC per la notifica.

Aperto il programma con il quale invii e ricevi le PEC, componi un nuovo messaggio-PEC, ricordandoti:

1) che la casella PEC dalla quale deve “partire” la tua notifica deve essere quella da te comunicata al tuo Ordine di appartenenza e presente, quindi, sia nel REGINDE che nell’INIPEC

2) che l’indirizzo PEC del destinatario della notifica deve essere quello estratto da uno dei pubblici elenchi così come previsto dalla L. 53/94 e quindi lo stesso che avrai indicato nella relata di notifica. A tal proposito segnalo che dal 17 luglio 2020, IPA può essere nuovamente utilizzato per le notifiche PEC L. 53/94 a condizione che l’indirizzo PEC della PA non sia presente nel pubblico elenco PP.AA.  Se utilizzerai IPA avrai quindi cura di indicare, nella relata di notifica, che l’indirizzo PEC della PA è stato estratto da IPA in quanto non presente nel registro PP.AA. e ciò ex art. 28 DL. 76/2020.

3) che in caso di più destinatari, dovrai inserire i relativi indirizzi PEC nel medesimo campo e quindi non dovrai mai utilizzare il campo “CC”

4) di inserire nell’oggetto esattamente questa frase: notificazione  ai  sensi  della  legge  n. 53 del 1994

5) di allegare alla PEC l’atto di citazione, la procura alle liti e al relata di notifica.

6) di verificare, prima di inviare la PEC, che la ricevuta di consegna selezionata sia quella COMPLETA.

A questo punto puoi inviare la PEC ed attendere la ricezione delle ricevute di accettazione e consegna le quali, ti ricordo, DEVONO ESSERE CONSERVATE COSI’ COME RICEVUTE: IN DIGITALE.

 

RELATA DI NOTIFICA A MEZZO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

ex art. 3 bis Legge 21 gennaio 1994, n. 53

Io sottoscritto Avvocato Maurizio Reale, con studio in Giulianova (Te) alla Via Turati n. 123, CF:RLEMRZ63C11F205Q, P.IVA: 00990880676 nella mia qualità di difensore e domiciliatario del Sig. Tizio Caio, res. in Roma alla Via Rossi n. 4, (C.F. TZZCCIO44FFF205TP.IVA0000000001), giusta procura alle liti che si allega ai sensi dell’art. 83 comma 3 c.p.c.,  ho

NOTIFICATO

ad ogni effetto di legge l’allegato atto (DESCRIZIONE DELL’ATTO), firmato digitalmente, prodotto a favore del Sig. Tizio Caio, res. in Roma alla Via Rossi n. 4, (C.F. TZZCCIO44FFF205T – P.IVA 0000000001) e contro ALFABETAGAMMA SPA, nell’instaurando giudizio civile dinanzi al Tribunale di Teramo, nonché procura alle liti a me rilasciata dal Sig. Tizio Caio originariamente su foglio separato dal quale ho estratto copia informatica, sottoscritta digitalmente, in conformità di quanto previsto dall’art. 18 n. 5 del DM 44/2011 così come modificato dal DM 48/2013  a:

1) ALFABETAGAMMA SPA, con sede in Milano alla Via Bianchi n. 6, CF: 000000000002, P.IVA000000000002, in persona del legale rapp.te pro tempore, trasmettendoli a mezzo posta elettronica certificata all’indirizzo PEC (INSERIRE INDIRIZZO PEC DEL DESTINATARIO) estratto dal seguente PUBBLICO ELENCO (INSERIRE IL NOMINATIVO DEL PUBBLICO ELENCO DAL QUALE E’ STATO RILEVATO L’INDIRIZZO PEC DEL DESTINATARIO E, OVE L’INDIRIZZO SIA STATO ESTRATTO DA IPA, IN QUANTO NON PRESENTE NEL PUBBLICO ELENCO PP.AA. INDICARE CHE L’INDIRIZZO PEC DELLA PA E’ STATO ESTRATTO DA IPA IN QUANTO NON PRESENTE NEL REGISTRO PP.AA. E CIO’ EX ART. 28 DL. 76/2020.).

Luogo __________________ data _______________

Avv. Maurizio Reale

N.B.: i suggerimenti ivi contenuti a proposito delle notifiche tramite PEC da parte dell’avvocato ed in particolare l’utilizzo dei modelli di relata di notifica predisposti non potranno generare responsabilità alcuna nei confronti dell’autore.

Ultima modifica 17 luglio 2020

Avv. Maurizio Reale

 

[responsivevoice_button voice=”Italian Female”]

         

Web Design BangladeshWeb Design BangladeshMymensingh